Consulting

Il primo passo verso il tuo benessere

Consulting2020-05-01T17:52:55+00:00

Consulenza psicologica, di cosa si tratta?

Lo psicologo non dà soluzioni, mette il cliente/paziente nelle condizioni di poterle trovare, offrendo strumenti pratici e teorici adeguati alla persona e alla richiesta. Lo psicologo è un esperto del funzionamento mentale ed emotivo, certo, ma l’unica persona che possa davvero sapere cosa fa bene a se stessa è la persona stessa. Lo psicologo aiuta soltanto a liberare le proprie energie e possibilità che fino a quel momento rimangono imbrigliate nelle proprie difficoltà e debolezze,  che in quel momento si stanno vivendo.

La consulenza psicologica è un momento di ripensamento e ricostruzione dei propri significati, a volte coscienti, a volte non pensati. Lo psicologo è in grado di “leggere” tra le righe di quanto detto dalla persona e, grazie a specifiche competenze, è in grado di riallacciare fili della trama personale che fino a quel momento sembravano slegati. Il problema portato dal cliente è infatti sempre espressione di una difficoltà che si manifesta in un determinato momento e per una determinata causa, che alla persona è sconosciuta. Dare significato e senso alle difficoltà è il primo e più importante passo verso la comprensione di se stessi. Per fare questo, lo psicologo libera le potenzialità espressive della personalità e aiuta il paziente a comprendere se stesso, grazie alla riformulazione di eventi presenti e passati che hanno influenzato il nostro animo.

Il punto focale della consulenza è il numero di incontri, che può essere deciso dal paziente, come anche le strategie da adottare per la risoluzione del problema. Infatti, lo psicologo non prescrive cosa fare, ma offre possibilità risolutive di problematiche che sono sempre multifattoriali. La scelta su cosa fare e come è spesso indicata al paziente, che in questo modo diventa protagonista della sua guarigione.

La consulenza psicologica: stereotipi e miti da sfatare.

Uno dei primi miti da sfatare riguardo la consulenza con lo psicologo riguarda la lunghezza dell’intervento, e soprattutto il tipo di cliente che va dallo psicologo.
Lo psicologo, secondo alcuni, lavorerebbe soltanto coi malati mentali e in un tempo che è estremamente lungo. FALSO!

Due precisazioni.
Se è senz’altro vero che esistono percorsi psicoterapeutici che possono protrarsi anche per un certo numero di anni, questo non è necessariamente correlato alla gravità dei sintomi del paziente, né ad una ipotetica inefficacia della cura messa in atto dallo psicologo. Infatti, coloro che intraprendono e proseguono percorsi a lungo temine non lo fanno perché ancora non hanno ottenuto risultati ma perché continuano a trarne dei benefici.
In secondo luogo, ricordiamo che esistono anche percorsi di psicoterapia brevi, che danno risultati per specifiche problematiche e determinati pazienti.

Andare dallo psicologo non obbliga automaticamente a fare un percorso di psicoterapia a lungo termine (con un determinato esborso di soldi). Se questo accada è perché psicologo e paziente ne ravvisano i vantaggi.

Come si instaura l’empatia tra terapeuta e paziente?

Una domanda sorge spontanea, perché la consulenza funziona?
Perché lo psicologo comprende quello che il paziente dice, lo vive sulla sua pelle.

Come fa lo psicologo a comprendere quello che il paziente dice e racconta?
Grazie all’empatia,  non una semplice comprensione dell’accaduto, ma la capacità umana ed esistenziale di rivivere, seppur con le dovute differenze, quello che il paziente sta portando in seduta. La cura attraverso la parola non è sentire, ma ascoltare col cuore e agire con la mente, grazie alla specifica preparazione che ha lo psicologo, in quanto professione sanitaria e umana.

Siamo sempre in grado di migliorare grazie alle nostre forze! Recupera l’autostima.

Uno degli obiettivi della una consulenza psicologica è quello di aiutare il paziente a recuperare un senso di maggiore autoefficacia e competenza nell’occuparsi delle proprie vicende e nel perseguire i propri obiettivi, restituendo una fiducia nei mezzi personali e nella consapevolezza che una vita più soddisfacente è possibile.

Qualunque sia il problema portato, nel momento in cui ci si appresta a consultare un esperto ci si percepisce inevitabilmente inesperti e poco capaci di affrontarlo con le proprie forze. Si chiede quindi aiuto ad un “estraneo” perché si comprende che da soli non si può superare il momento di crisi che si sta vivendo.

Spesso il problema portato è “il problema”, (un attacco di panico, ansia, problemi di un figlio a scuola, un matrimonio in crisi, un problema di peso) e viene vissuto come se fosse un’entità a sé, separato dalla persona che lo “ha”, come fosse un oggetto estraneo attaccatosi alla persona, chissà per quale motivo. È vissuto molto spesso come difetto da eliminare. Non è mai solo così, anzi. Un sintomo o un problema ci parla sempre di qualcosa di più profondo che entra nella nostra vita per comunicarci che qualcosa non va come vorremmo.

Ogni crisi è un’opportunità.

Un percorso di consulenza psicologica è il momento in cui il paziente,grazie alle chiarificazioni e spiegazioni dello psicologo, può dare senso al problema e riappropriarsi della propria esperienza, cominciando a riviverla come propria e come parte integrante della propria vita. Ogni problema ha sempre un significato nascosto e deve essere vissuto come una possibilità di miglioramento personale e di comunicazione col nostro vero sé. In questo modo riusciremo a ridiventare noi stessi e a raggiungere i risultati che vogliamo

Citando Albert Einstein (1955):

“Non pretendiamo che le cose cambino, se facciamo sempre la stessa cosa. La crisi è la migliore benedizione che può arrivare a persone e Paesi, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dalle difficoltà nello stesso modo che il giorno nasce dalla notte oscura. È dalla crisi che nasce l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera se stesso senza essere superato. (…) Senza crisi non ci sono sfide, e senza sfida la vita è una routine, una lenta agonia. Senza crisi non ci sono meriti. È dalla crisi che affiora il meglio di ciascuno…”

Hai domande, curiosità o vuoi delle informazioni?

SCRIVIMI

Scopri quali sono gli altri passi verso il benessere?

La crisi porta progressi.
Chi supera la crisi supera se stesso senza essere superato.

Albert Einstein

Vuoi approfondire la consulenza psicologica? Leggi gli ultimi articoli

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Vestibulum a lorem velit. Etiam nec nulla a erat hendrerit varius sit amet et enim. Cras id tincidunt erat. Suspendisse facilisis condimentum urna.

Scrivimi